Può, "de iure condendo" almeno, procedersi ancora ad un impiego tanto esiziale della nozione di improcedibilità del gravame?