E’ veramente inammissibile il «doppio rinvio»?