Guido Cavalcanti o la metafora della cultura in Dante e Boccaccio