Iacopone tra estremismo e negazione