finalizzato ad esplorare le modalità attraverso le quali si promuove l’acquisizione del metodo di studio nelle classi di scuola primaria e secondaria di primo grado, frequentate da allievi con disturbi specifici di apprendimento (DSA). Il metodo di studio, considerato elemento imprescindibile nella dialettica insegnamento-apprendimento, è il presupposto fondamentale per il raggiungimento della competenza chiave “imparare ad imparare” (Parlamento europeo, Consiglio dell’Unione europea, 2006) ed un’ineludibile misura di prevenzione del drop out (Checchi, 2014; Fondazione Giovanni Agnelli, 2014; Istat, 2018; Commissione europea, 2016). Le strategie di insegnamento messe in atto dalle scuole possono rappresentare veri e propri “facilitatori” dell’apprendimento (WHO, 2001, 2007, 2017) per gli allievi con DSA, per i quali l’acquisizione progressiva del metodo di studio non può ridursi alla messa a disposizione degli strumenti compensativi, ma piuttosto al loro impiego efficiente e consapevole (Cornoldi et al., 2010; Chiappetta Cajola, Traversetti, 2017). Tra i principali risultati si presentano, in particolare, quelli relativi all’esplorazione delle condizioni di apprendimento messe in atto dagli insegnanti, in termini di strategie di insegnamento e di strumenti compensativi e misure dispensative impiegati/e nell’ambito dell’individuale metodo di studio. Ciò che risulta evidente è che in entrambi gli ordini scolastici è esiguo il numero delle classi in cui si promuove l’acquisizione del metodo di studio nella prospettiva inclusiva. Tuttavia, la scuola secondaria di primo grado, rispetto alla scuola primaria, promuove maggiormente tale acquisizione per tutti gli allievi, attraverso la messa in atto di più appropriate e personalizzate strategie di insegnamento mirate a tale scopo e mediante l’impiego più efficace degli strumenti compensativi e delle misure dispensative.

Strategie di insegnamento-apprendimento per la costruzione del metodo di studio nella prospettiva inclusiva. Dati di ricerca

Traversetti, M.
2018

Abstract

finalizzato ad esplorare le modalità attraverso le quali si promuove l’acquisizione del metodo di studio nelle classi di scuola primaria e secondaria di primo grado, frequentate da allievi con disturbi specifici di apprendimento (DSA). Il metodo di studio, considerato elemento imprescindibile nella dialettica insegnamento-apprendimento, è il presupposto fondamentale per il raggiungimento della competenza chiave “imparare ad imparare” (Parlamento europeo, Consiglio dell’Unione europea, 2006) ed un’ineludibile misura di prevenzione del drop out (Checchi, 2014; Fondazione Giovanni Agnelli, 2014; Istat, 2018; Commissione europea, 2016). Le strategie di insegnamento messe in atto dalle scuole possono rappresentare veri e propri “facilitatori” dell’apprendimento (WHO, 2001, 2007, 2017) per gli allievi con DSA, per i quali l’acquisizione progressiva del metodo di studio non può ridursi alla messa a disposizione degli strumenti compensativi, ma piuttosto al loro impiego efficiente e consapevole (Cornoldi et al., 2010; Chiappetta Cajola, Traversetti, 2017). Tra i principali risultati si presentano, in particolare, quelli relativi all’esplorazione delle condizioni di apprendimento messe in atto dagli insegnanti, in termini di strategie di insegnamento e di strumenti compensativi e misure dispensative impiegati/e nell’ambito dell’individuale metodo di studio. Ciò che risulta evidente è che in entrambi gli ordini scolastici è esiguo il numero delle classi in cui si promuove l’acquisizione del metodo di studio nella prospettiva inclusiva. Tuttavia, la scuola secondaria di primo grado, rispetto alla scuola primaria, promuove maggiormente tale acquisizione per tutti gli allievi, attraverso la messa in atto di più appropriate e personalizzate strategie di insegnamento mirate a tale scopo e mediante l’impiego più efficace degli strumenti compensativi e delle misure dispensative.
978-88-6760-465-4
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1653924
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact