Si commenta una decisione della Cassazione che ha stabilito l’inefficacia di una segnalazione in CAI avente ad oggetto la revoca di una carta di credito facendo leva sulla recettizietà dell’atto presupposto, ossia il recesso della banca dal contratto di credito. Si obietta, però, che il carattere recettizio di un atto non impone necessariamente che esso sia “indirizzato” perché acquisti efficacia, essendo sufficiente la sua conoscenza da parte dell’interessato. A ciò si aggiunga che per la specifica segnalazione oggetto del contendere la normativa, all’esito di un ben preciso bilanciamento tra opposti interessi, non prevede — a differenza di altri casi — alcun obbligo in capo alla banca segnalante di preavvertire il cliente dell’imminente segnalazione. Si conclude, nondimeno, nel senso che la costruzione degli obblighi di protezione non può limitarsi a considerare unicamente la singola relazione contrattuale banca-cliente, ma deve tenere in considerazione anche gli altri interessi coinvolti, tra i quali assume particolare rilevanza l’interesse pubblico ad un tempestivo e fedele aggiornamento delle banche dati, fondamentale strumento per assicurare la stabilità e l’ordinato svolgimento dell’attività di erogazione del credito e dei servizi di pagamento.

Preavviso di segnalazione alla CAI tra recettizietà dell'atto, norme di settore, bilanciamento di interessi e obblighi di protezione / Capizzi, Antonio. - In: BANCA BORSA E TITOLI DI CREDITO. - ISSN 0390-9522. - :2/2020(2020), pp. 220-234.

Preavviso di segnalazione alla CAI tra recettizietà dell'atto, norme di settore, bilanciamento di interessi e obblighi di protezione

antonio capizzi
2020

Abstract

Si commenta una decisione della Cassazione che ha stabilito l’inefficacia di una segnalazione in CAI avente ad oggetto la revoca di una carta di credito facendo leva sulla recettizietà dell’atto presupposto, ossia il recesso della banca dal contratto di credito. Si obietta, però, che il carattere recettizio di un atto non impone necessariamente che esso sia “indirizzato” perché acquisti efficacia, essendo sufficiente la sua conoscenza da parte dell’interessato. A ciò si aggiunga che per la specifica segnalazione oggetto del contendere la normativa, all’esito di un ben preciso bilanciamento tra opposti interessi, non prevede — a differenza di altri casi — alcun obbligo in capo alla banca segnalante di preavvertire il cliente dell’imminente segnalazione. Si conclude, nondimeno, nel senso che la costruzione degli obblighi di protezione non può limitarsi a considerare unicamente la singola relazione contrattuale banca-cliente, ma deve tenere in considerazione anche gli altri interessi coinvolti, tra i quali assume particolare rilevanza l’interesse pubblico ad un tempestivo e fedele aggiornamento delle banche dati, fondamentale strumento per assicurare la stabilità e l’ordinato svolgimento dell’attività di erogazione del credito e dei servizi di pagamento.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Capizzi_Preavviso di segnalazione_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 356.62 kB
Formato Adobe PDF
356.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1602630
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact