L’interruzione da fusione, seppur “postumamente”, rischia ancora di nuocere