Mutamento del giudice e diritto al confronto: una falsa analogia della corte di Strasburgo