L’ordinanza n. 8925/2020 della Corte di cassazione accerta l’antieconomicità della gestione di impresa nel suo complesso, ammettendola come presupposto per il ricorso al metodo dell’accertamento induttivo. Tale giudizio di antieconomicità, che si inserisce nel contesto di un orientamento consolidato in ordine al principio “sostanza vs. forma”, mostra alcuni profili di criticità giuridica.

Il giudizio di antieconomicità della gestione di impresa per il contrasto di condotte irrazionali / Boria, Pietro. - In: CORRIERE TRIBUTARIO. - ISSN 1590-8100. - 2020:8-9(2020), pp. 746-754.

Il giudizio di antieconomicità della gestione di impresa per il contrasto di condotte irrazionali

BORIA PIETRO
2020

Abstract

L’ordinanza n. 8925/2020 della Corte di cassazione accerta l’antieconomicità della gestione di impresa nel suo complesso, ammettendola come presupposto per il ricorso al metodo dell’accertamento induttivo. Tale giudizio di antieconomicità, che si inserisce nel contesto di un orientamento consolidato in ordine al principio “sostanza vs. forma”, mostra alcuni profili di criticità giuridica.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Boria_Giudizio-antieconomicità_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 4.95 MB
Formato Adobe PDF
4.95 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1436456
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact