La nullità selettiva tra vantaggio del cliente e paralisi delle restituzioni