Del fascino istantaneo delle comete. A proposito di “The Death of Jesus” di J.M. Coetzee