If due to cultural options and/or editorial requirements this number of Techne is cantered exclusively on the “design phase” (in particular the one referred to construction), it doesn’t mean at all that - within the building process – such phase cannot (or better should not) be coordinated with the “scheduling”, “realization” and “operational” phases which, as required by the Architectural Technology discipline, should be coherently bound to each other. It means that while dealing with peculiarities, criticalities, and potential of the project’s blueprints, we can (or better we should) constantly refer to the other phases, detecting in them further elements, maybe even innovative ones, which can facilitate the definition of the executive project. The new requirements set by civil society, which are modifying the contents of each design phase, are numerous; the Architectural Technology updates in terms of contents, but also (an most of all) in technical and cultural terms – e.g. the link with realisation and management phases - are equally numerous.

Se per opzioni culturali e/o esigenze editoriali questo numero di Techne è incentrato sulla sola “fase della progettazione” (in particolare solo quella “cantierabile”) questo non significa assolutamente che - all’interno del processo edilizio - tale fase non possa (anzi non debba) essere coordinata con quelle della “programmazione”, della “realizzazione” e quella “di esercizio” che, come peraltro richiede la stessa disciplina della Tecnologia dell’Architettura, debbono essere fra loro coerentemente saldate. Questo significa che nel trattare peculiarità, criticità e potenzialità del progetto esecutivo si possa (anzi si debba) fare costante riferimento alle altre fasi ritrovando in quest’ultime ulteriori elementi, anche innovativi, che agevolino il lavoro di messa a fuoco del progetto esecutivo. Molte sono le nuove e ulteriori esigenze che la società civile chiede di soddisfare e che quindi stanno modificando gli stessi contenuti di ogni fase di progettazione e altrettanto numerosi sono gli aggiornamenti che la Tecnologia dell’Architettura sta apportando in queste specifiche fasi, non solo evidentemente in termini di contenuti, ma anche (e soprattutto) in termini tecnici e culturali come, ad esempio, la saldatura con le fasi realizzative e gestionali.

Il progetto esecutivo. Ruolo, obiettivi, potenzialità/ The detailed design project. Role, objectives, potential / Ferrante, T.. - In: TECHNE. - ISSN 2239-0243. - 18(2019), pp. 18-26. [10.13128/techne-7504]

Il progetto esecutivo. Ruolo, obiettivi, potenzialità/ The detailed design project. Role, objectives, potential.

Ferrante, T.
Conceptualization
2019

Abstract

If due to cultural options and/or editorial requirements this number of Techne is cantered exclusively on the “design phase” (in particular the one referred to construction), it doesn’t mean at all that - within the building process – such phase cannot (or better should not) be coordinated with the “scheduling”, “realization” and “operational” phases which, as required by the Architectural Technology discipline, should be coherently bound to each other. It means that while dealing with peculiarities, criticalities, and potential of the project’s blueprints, we can (or better we should) constantly refer to the other phases, detecting in them further elements, maybe even innovative ones, which can facilitate the definition of the executive project. The new requirements set by civil society, which are modifying the contents of each design phase, are numerous; the Architectural Technology updates in terms of contents, but also (an most of all) in technical and cultural terms – e.g. the link with realisation and management phases - are equally numerous.
2019
Se per opzioni culturali e/o esigenze editoriali questo numero di Techne è incentrato sulla sola “fase della progettazione” (in particolare solo quella “cantierabile”) questo non significa assolutamente che - all’interno del processo edilizio - tale fase non possa (anzi non debba) essere coordinata con quelle della “programmazione”, della “realizzazione” e quella “di esercizio” che, come peraltro richiede la stessa disciplina della Tecnologia dell’Architettura, debbono essere fra loro coerentemente saldate. Questo significa che nel trattare peculiarità, criticità e potenzialità del progetto esecutivo si possa (anzi si debba) fare costante riferimento alle altre fasi ritrovando in quest’ultime ulteriori elementi, anche innovativi, che agevolino il lavoro di messa a fuoco del progetto esecutivo. Molte sono le nuove e ulteriori esigenze che la società civile chiede di soddisfare e che quindi stanno modificando gli stessi contenuti di ogni fase di progettazione e altrettanto numerosi sono gli aggiornamenti che la Tecnologia dell’Architettura sta apportando in queste specifiche fasi, non solo evidentemente in termini di contenuti, ma anche (e soprattutto) in termini tecnici e culturali come, ad esempio, la saldatura con le fasi realizzative e gestionali.
progetto esecutivo; detailed design; design
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Il progetto esecutivo. Ruolo, obiettivi, potenzialità/ The detailed design project. Role, objectives, potential / Ferrante, T.. - In: TECHNE. - ISSN 2239-0243. - 18(2019), pp. 18-26. [10.13128/techne-7504]
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Ferrante_Il progetto_2019.pdf

solo gestori archivio

Note: https://oaj.fupress.net/index.php/techne/issue/view/531
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.03 MB
Formato Adobe PDF
3.03 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1358402
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact