This essay aims to develop a reflection on the education to interculturality in our country, to be understood as a matured awareness, and strategies implemented by institutions on the theme of cultural diversity, in a "positive" perspective of recognition and appreciation of differences, supportive and pacifist. The proposed overview focuses on three strategic sectors to understand the role and the evolution of intercultural communication in the public sphere: the university, which has the mandate to train the professional figures of the future; the organizations, public, private and non-profit, obliged, in order to survive, to intercept and deal promptly with the evolution of the company; the media, protagonists of cultural and political life and producers of the narratives that nourish the popular imagination. Specifically, the reflection is based on the results of three research actions carried out by the authors in the context of the activities of a European project (Codes - Communication, Diversité, Solidarité) and this paper is the first public presentation of the same to national level.

Il saggio si propone come un’indagine sullo stato dell’educazione all’interculturalità nel nostro paese, da intendersi come consapevolezza maturata, e strategie agite, di fronte alle questioni della diversità culturale, da tre istituzioni strategiche della sfera pubblica: l’università, che ha il mandato di formare le figure professionali del futuro; le organizzazioni, pubbliche, private e non profit, obbligate, per sopravvivere, ad intercettare e ad affrontare con tempestività l’evoluzione della società; i media, protagonisti della vita culturale e politica e produttori delle narrazioni che alimentano gli immaginari popolari. Nello specifico, la riflessione si fonda sui risultati di tre azioni di ricerca realizzate dagli autori nell’ambito delle attività di un progetto europeo (Codes - Communication, Diversité, Solidarité), e il presente paper costituisce la prima occasione di presentazione pubblica dei medesimi a livello nazionale.

Educare alla diversità. Le istituzioni italiane e la sfida dell'interculturalità / Peruzzi, Gaia; Antonutti, Marco; Lombardi, Raffaele; Ruggiero, Christian. - In: SCIENZA E PACE. - ISSN 2039-1749. - IX:2(2018), pp. 99-120.

Educare alla diversità. Le istituzioni italiane e la sfida dell'interculturalità

Gaia Peruzzi
Primo
;
ANTONUTTI, MARCO
;
Raffaele Lombardi
;
Christian Ruggiero
2018

Abstract

Il saggio si propone come un’indagine sullo stato dell’educazione all’interculturalità nel nostro paese, da intendersi come consapevolezza maturata, e strategie agite, di fronte alle questioni della diversità culturale, da tre istituzioni strategiche della sfera pubblica: l’università, che ha il mandato di formare le figure professionali del futuro; le organizzazioni, pubbliche, private e non profit, obbligate, per sopravvivere, ad intercettare e ad affrontare con tempestività l’evoluzione della società; i media, protagonisti della vita culturale e politica e produttori delle narrazioni che alimentano gli immaginari popolari. Nello specifico, la riflessione si fonda sui risultati di tre azioni di ricerca realizzate dagli autori nell’ambito delle attività di un progetto europeo (Codes - Communication, Diversité, Solidarité), e il presente paper costituisce la prima occasione di presentazione pubblica dei medesimi a livello nazionale.
This essay aims to develop a reflection on the education to interculturality in our country, to be understood as a matured awareness, and strategies implemented by institutions on the theme of cultural diversity, in a "positive" perspective of recognition and appreciation of differences, supportive and pacifist. The proposed overview focuses on three strategic sectors to understand the role and the evolution of intercultural communication in the public sphere: the university, which has the mandate to train the professional figures of the future; the organizations, public, private and non-profit, obliged, in order to survive, to intercept and deal promptly with the evolution of the company; the media, protagonists of cultural and political life and producers of the narratives that nourish the popular imagination. Specifically, the reflection is based on the results of three research actions carried out by the authors in the context of the activities of a European project (Codes - Communication, Diversité, Solidarité) and this paper is the first public presentation of the same to national level.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Peruzzi_Educare-alla-diversità_2018.pdf

solo gestori archivio

Note: https://scienzaepace.unipi.it/index.php/en/
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 309.67 kB
Formato Adobe PDF
309.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1255131
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact