Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: un caso di esternalizzazione