I Falconetti, il Morgante e la memoria della rotta