PROPENSIONE AL RISCHIO IN BAMBINI DI ETÀ PRESCOLARE: UN NUOVO APPROCCIO SPERIMENTALE