Il "Convivio" di Dante secondo Maria Corti