Tra il 19.000 e il 14.000 BP, nelle culture europee del Paleolitico Superiore, si assiste a una generale diffusione di punte e lame con un incavo laterale (cran) ottenuto con ritocco erto profondo. L’ubiquità di questo fenomeno ha portato molti studiosi (Plisson, Geneste 1989; Onoratini 1978; Lansac 2004) a considerarlo come il riflesso di nuove tecniche di caccia, conseguenti l’invenzione di strumenti che permettevano di lanciare con maggior forza un proiettile e di colpire la preda da maggiore distanza. Frecce, giavellotti, zagaglie venivano scagliati con propulsori, bastoni muniti di un gancio o di un incavo nel quale si appoggiava l’arma da lanciare, oppure con archi.

Analisi tipologica e funzionale delle punte à cran epigravettiane della Grotta delle Settecannelle (Viterbo)

CRISTIANI, Emanuela
2014

Abstract

Tra il 19.000 e il 14.000 BP, nelle culture europee del Paleolitico Superiore, si assiste a una generale diffusione di punte e lame con un incavo laterale (cran) ottenuto con ritocco erto profondo. L’ubiquità di questo fenomeno ha portato molti studiosi (Plisson, Geneste 1989; Onoratini 1978; Lansac 2004) a considerarlo come il riflesso di nuove tecniche di caccia, conseguenti l’invenzione di strumenti che permettevano di lanciare con maggior forza un proiettile e di colpire la preda da maggiore distanza. Frecce, giavellotti, zagaglie venivano scagliati con propulsori, bastoni muniti di un gancio o di un incavo nel quale si appoggiava l’arma da lanciare, oppure con archi.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/964060
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact