Due note sulla convenienza di Omero