"La traccia dell'addio delle cose". L'Europa postbellica e il caso Beckett