Per una vita "cenobitica". Montale e il "Journal intime" di Amiel