Tra mercato e accademia, la pittura "dissidente" a Roma alla metà del Seicento