Da Vittorini a Calvino: una progettazione letteraria permanente