"L'aura sacra" tra sogno e visione. Il finale dei "Rerum vulgarium fragamenta", Dante e Boccaccio