During the research held on the territory East of Rome with the collaboration of the cultural associations «Lavangaquadra (nova Arcadia)» and Casale Garibaldi, it was possible to locate some data from the archaeological excavations done during the construction of the new subway line C. Some citizens belonging to grassroots associations pointed out an archaeological site excavated for the construction of the new subway line, and immediately re-buried, next to Via dell’Acqua Bullicante. We could recognize in the site the orti holeari mentioned in the medieval notarial sources. These allotments consist in long ditches dug in the local tufus with a direction, a measurement and a constant pace and were evidently designed with an organic criterion, probably in Roman times. It is possible therefore to hypothesize the continuous use of agricultural land in the suburbs of Rome from Roman times to the medieval period. Subsequently we used this model for the experimental design of a teaching garden in Casale Garibaldi park within the Roman district of Villa De Sanctis (former Casilino 23) and for the design of two other allotment gardens in the fifth municipality of Rome. This operation connected in a strong relationship of continuity, archaeology and grassroots design for the sustainable peri-urban agricultural landscape in Rome.

Durante la ricerca di Ateneo Federato svolta sul territorio di Roma Est con la collaborazione delle associazioni culturali «Lavangaquadra (nova Arcadia)» e Casale Garibaldi è stato possibile individuare alcuni dati relativi agli scavi archeologici effettuati per la costruzione della linea C della metropolitana. Alcuni cittadini appartenenti alle associazioni attive sul territorio hanno segnalato un sito scavato per la realizzazione della nuova linea della metropolitana e immediatamente re-interrato, accanto a via dell’Acqua Bullicante. Abbiamo ritenuto di riconoscere in questo scavo una parte degli orti holeari che sono citati nelle fonti notarili medievali. Questi orti erano stati realizzati scavando delle lunghe fosse nel cappellaccio con una direzione, una misura e un passo costanti ed erano stati evidentemente progettati con un criterio organico, probabilmente in epoca romana. E’ pertanto formulabile una interessante ipotesi di continuità d’uso del suolo agrario nel suburbio di Roma nel periodo medievale. Tale modello è stato utilizzato per le realizzazione sperimentale di un orto didattico nel Casale Garibaldi, al quartiere Villa De Sanctis (già Casilino 23) e per il progetto di altri due orti sociali nel Municipio Roma 5, mettendo in stretta relazione di continuità l’archeologia e il progetto partecipato per il paesaggio agricolo periurbano sostenibile a Roma.

Modelli archeologici per il progetto nel paesaggio agricolo periurbano. Dagli orti holeari agli orti sociali nel Quinto Municipio, Roma / Camiz, Alessandro. - In: STORIA DELL'URBANISTICA. - ISSN 2035-8733. - STAMPA. - Anno XXXIII, 6/2014:III(2015), pp. 173-187.

Modelli archeologici per il progetto nel paesaggio agricolo periurbano. Dagli orti holeari agli orti sociali nel Quinto Municipio, Roma

CAMIZ, Alessandro
Primo
2015

Abstract

Durante la ricerca di Ateneo Federato svolta sul territorio di Roma Est con la collaborazione delle associazioni culturali «Lavangaquadra (nova Arcadia)» e Casale Garibaldi è stato possibile individuare alcuni dati relativi agli scavi archeologici effettuati per la costruzione della linea C della metropolitana. Alcuni cittadini appartenenti alle associazioni attive sul territorio hanno segnalato un sito scavato per la realizzazione della nuova linea della metropolitana e immediatamente re-interrato, accanto a via dell’Acqua Bullicante. Abbiamo ritenuto di riconoscere in questo scavo una parte degli orti holeari che sono citati nelle fonti notarili medievali. Questi orti erano stati realizzati scavando delle lunghe fosse nel cappellaccio con una direzione, una misura e un passo costanti ed erano stati evidentemente progettati con un criterio organico, probabilmente in epoca romana. E’ pertanto formulabile una interessante ipotesi di continuità d’uso del suolo agrario nel suburbio di Roma nel periodo medievale. Tale modello è stato utilizzato per le realizzazione sperimentale di un orto didattico nel Casale Garibaldi, al quartiere Villa De Sanctis (già Casilino 23) e per il progetto di altri due orti sociali nel Municipio Roma 5, mettendo in stretta relazione di continuità l’archeologia e il progetto partecipato per il paesaggio agricolo periurbano sostenibile a Roma.
9788865142417
During the research held on the territory East of Rome with the collaboration of the cultural associations «Lavangaquadra (nova Arcadia)» and Casale Garibaldi, it was possible to locate some data from the archaeological excavations done during the construction of the new subway line C. Some citizens belonging to grassroots associations pointed out an archaeological site excavated for the construction of the new subway line, and immediately re-buried, next to Via dell’Acqua Bullicante. We could recognize in the site the orti holeari mentioned in the medieval notarial sources. These allotments consist in long ditches dug in the local tufus with a direction, a measurement and a constant pace and were evidently designed with an organic criterion, probably in Roman times. It is possible therefore to hypothesize the continuous use of agricultural land in the suburbs of Rome from Roman times to the medieval period. Subsequently we used this model for the experimental design of a teaching garden in Casale Garibaldi park within the Roman district of Villa De Sanctis (former Casilino 23) and for the design of two other allotment gardens in the fifth municipality of Rome. This operation connected in a strong relationship of continuity, archaeology and grassroots design for the sustainable peri-urban agricultural landscape in Rome.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Camiz_Orti-holeari_2015.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.92 MB
Formato Unknown
1.92 MB Unknown   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/829799
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact