Riflessioni su un'inaccettabile nozione di societas sceleris, ossia sull'imbarbarimento del diritto penale