Assunta Esposito risponde alla recensione di Andrea Sarri