Cittadinanza digitale e potenziamento della partecipazione politica attraverso il web: un mito così recente già da sfatare?