“Bellum piraticum” e guerra al terrore. Qualche considerazione problematica