L'articolo parte dall'uso dell'ascolto come risorsa della ricerca sociale, per poi estendersi ad altri riferimenti che comunque interpellano le scienze sociali. Concepito inizialmente come predisposizione interiore, secondo gli antichi classici, l'ascolto diviene poi non solo tecnica d'indagine, ma anche "arte" indispensabile alla ricerca empirica. Su questo punto s'innesta l'ermeneutica filosofica contemporanea: inquadrando la comprensione come condizione basata sulla reciprocità (in quanto nessuno può comprendere o comprendersi da solo) l'ascolto diviene l'apertura alla cifra che l'Essere imprime sul mondo e sulla linguiticità dell'esistenza.

Arte dell'ascolto e comprensione

MONTESPERELLI, Paolo
2014

Abstract

L'articolo parte dall'uso dell'ascolto come risorsa della ricerca sociale, per poi estendersi ad altri riferimenti che comunque interpellano le scienze sociali. Concepito inizialmente come predisposizione interiore, secondo gli antichi classici, l'ascolto diviene poi non solo tecnica d'indagine, ma anche "arte" indispensabile alla ricerca empirica. Su questo punto s'innesta l'ermeneutica filosofica contemporanea: inquadrando la comprensione come condizione basata sulla reciprocità (in quanto nessuno può comprendere o comprendersi da solo) l'ascolto diviene l'apertura alla cifra che l'Essere imprime sul mondo e sulla linguiticità dell'esistenza.
9788868740955
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/778389
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact