Ancora sulla morte di Giovanni Gentile. A proposito di un recente volume