Isocrate commentato tra manoscritti e stampa. Il Laur. 58.5 e l'incunabolo di Demetrio Calcondila e Sebastiano da Pontremoli; il Vat. Pal. gr. 135 e l'Aldina di Marco Musuro