La centralità ineludibile della lettura