Serialità e reinterpretazione: il caso dell’Altobello e del Persiano