Le forme minime del Paradiso: Waterhouse, Gmelin e il confine della traduzione