Recensione: Friendly Landscape. La costruzione sociale del paesaggio