Oralità e dialogicità nello Zibaldone