«Le parole sono pietre: lingua communis e lingua literata in alcune epigrafi romane (secc. IV-VI)»