Verso l'istituzionalizzazione del contratto collettivo 'di diritto comune'?