Introduction. Over the past twenty years, in Italy there has been an intense debate that has focused on the function, and overcoming the limits of the institution Judicial Psychiatric Hospital (ospedale psichiatrico giudiziario - OPG). Although the contribution of legislative proposals, conferences and workshops on the OPG subject has received significant, the interest focused on the development and elaboration of criminological and epidemiological research on a national scale has been proportionately less impetum. In this study a survey aimed to explore the socio-demographic, clinical and criminological features of patients discharged from the OPG and admitted to neuropsychiatric clinic, under the restriction of freedom, has been performed. Methods. The information was gathered at the time of entry in the clinical management, by means of the first clinical interview and during subsequent interviews. During hospitalization, patients were administered the Mini-Mental State Examination

Introduzione. Negli ultimi vent’anni, in Italia si è assistito a un intenso dibattito che ha riguardato la funzione, i limiti e il superamento dell’istituzione dell’ospedale psichiatrico giudiziario (OPG). Sebbene sia stato notevole il contributo di proposte legislative, di convegni e di giornate di studio in tema di OPG, l’interesse volto allo sviluppo e all’elaborazione di ricerche epidemiologiche e criminologiche su scala nazionale ha avuto proporzionalmente minore impulso. In questo studio è stata eseguita un’indagine rivolta all’esplorazione di caratteristiche socio-demografiche, cliniche e criminologiche di pazienti provenienti dall’OPG e degenti presso una clinica neuropsichiatrica, in regime di restrizione della libertà. Metodi. Le informazioni sono state acquisite dai dati raccolti attraverso il colloquio clinico di presentazione al momento dell’ingresso in clinica e nel corso di colloqui successivi e dai risultati del Mini-Mental State Examination (MMSE) e dell’Asse K (Asse V di Kennedy), somministrati ai pazienti durante il ricovero. Risultati. Sono stati inclusi nello studio 23 pazienti provenienti dagli OPG di Aversa, Secondigliano e Castiglione delle Stiviere. Le principali caratteristiche indagate delineano il profilo di un individuo di età media di circa 49 anni, celibe, proveniente da un contesto socio-economico medio-basso, fuori dal mercato del lavoro al momento dell’internamento in OPG. Nell’inquadramento diagnostico prevalgono i disturbi dello spettro schizofrenico; è presente una storia di abuso di sostanze nel 35% dei casi e un’anamnesi positiva per pregressi ricoveri in strutture psichiatriche nell’87% di questi soggetti. La tipologia di reati commessi è rappresentata prevalentemente da delitti contro la persona. Circa il 40% di questi individui ha esaurito il correlato della pericolosità sociale al momento del ricovero. Conclusioni. Nonostante l’esiguità del campione, i dati emersi dalla presente ricerca sono in accordo con quanto riportato nei pochi studi presenti in letteratura. La specificità delle esigenze clinico-assistenziali degli infermi di mente autori di reato necessita di una maggiore definizione che potrebbe realizzarsi attraverso lo sviluppo di questo settore della ricerca.

Caratteristiche socio-demografiche, cliniche e criminologiche di una popolazione di pazienti dimessi dall’ospedale psichiatrico giudiziario, in regime di restrizione della libertà, ricoverati presso una clinica neuropsichiatrica / A., Anastasia; D., Cataldo; C., Colletti; R., Di Falco; I., Centracchio; P., Del Nero; Rinaldi, Raffaella; Bersani, Giuseppe. - In: RIVISTA DI PSICHIATRIA. - ISSN 2038-2502. - STAMPA. - 5:49(2014), pp. 235-242. [10.1708/1668.18266]

Caratteristiche socio-demografiche, cliniche e criminologiche di una popolazione di pazienti dimessi dall’ospedale psichiatrico giudiziario, in regime di restrizione della libertà, ricoverati presso una clinica neuropsichiatrica.

RINALDI, Raffaella;BERSANI, Giuseppe
2014

Abstract

Introduzione. Negli ultimi vent’anni, in Italia si è assistito a un intenso dibattito che ha riguardato la funzione, i limiti e il superamento dell’istituzione dell’ospedale psichiatrico giudiziario (OPG). Sebbene sia stato notevole il contributo di proposte legislative, di convegni e di giornate di studio in tema di OPG, l’interesse volto allo sviluppo e all’elaborazione di ricerche epidemiologiche e criminologiche su scala nazionale ha avuto proporzionalmente minore impulso. In questo studio è stata eseguita un’indagine rivolta all’esplorazione di caratteristiche socio-demografiche, cliniche e criminologiche di pazienti provenienti dall’OPG e degenti presso una clinica neuropsichiatrica, in regime di restrizione della libertà. Metodi. Le informazioni sono state acquisite dai dati raccolti attraverso il colloquio clinico di presentazione al momento dell’ingresso in clinica e nel corso di colloqui successivi e dai risultati del Mini-Mental State Examination (MMSE) e dell’Asse K (Asse V di Kennedy), somministrati ai pazienti durante il ricovero. Risultati. Sono stati inclusi nello studio 23 pazienti provenienti dagli OPG di Aversa, Secondigliano e Castiglione delle Stiviere. Le principali caratteristiche indagate delineano il profilo di un individuo di età media di circa 49 anni, celibe, proveniente da un contesto socio-economico medio-basso, fuori dal mercato del lavoro al momento dell’internamento in OPG. Nell’inquadramento diagnostico prevalgono i disturbi dello spettro schizofrenico; è presente una storia di abuso di sostanze nel 35% dei casi e un’anamnesi positiva per pregressi ricoveri in strutture psichiatriche nell’87% di questi soggetti. La tipologia di reati commessi è rappresentata prevalentemente da delitti contro la persona. Circa il 40% di questi individui ha esaurito il correlato della pericolosità sociale al momento del ricovero. Conclusioni. Nonostante l’esiguità del campione, i dati emersi dalla presente ricerca sono in accordo con quanto riportato nei pochi studi presenti in letteratura. La specificità delle esigenze clinico-assistenziali degli infermi di mente autori di reato necessita di una maggiore definizione che potrebbe realizzarsi attraverso lo sviluppo di questo settore della ricerca.
Introduction. Over the past twenty years, in Italy there has been an intense debate that has focused on the function, and overcoming the limits of the institution Judicial Psychiatric Hospital (ospedale psichiatrico giudiziario - OPG). Although the contribution of legislative proposals, conferences and workshops on the OPG subject has received significant, the interest focused on the development and elaboration of criminological and epidemiological research on a national scale has been proportionately less impetum. In this study a survey aimed to explore the socio-demographic, clinical and criminological features of patients discharged from the OPG and admitted to neuropsychiatric clinic, under the restriction of freedom, has been performed. Methods. The information was gathered at the time of entry in the clinical management, by means of the first clinical interview and during subsequent interviews. During hospitalization, patients were administered the Mini-Mental State Examination
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/630038
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 0
  • Scopus 5
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 4
social impact