Lo scorso agosto il Governo italiano ha deciso di inviare armi leggere e munizioni alle milizie curde sotto l’assedio in Iraq del c.d. «Stato islamico». Da una prospettiva internazionalistica, l’impressione è che il Governo avrebbe dovuto prendere in considerazione e valutare alcuni elementi, di fatto e di diritto, per fugare ogni dubbio sulla liceità della decisione di prestare assistenza militare a un Paese in stato di conflitto armato.

L’Italia arma le forze curde impegnate a contrastare il c.d. «Stato islamico». Brevi note di diritto internazionale

CIMIOTTA, EMANUELE
2014

Abstract

Lo scorso agosto il Governo italiano ha deciso di inviare armi leggere e munizioni alle milizie curde sotto l’assedio in Iraq del c.d. «Stato islamico». Da una prospettiva internazionalistica, l’impressione è che il Governo avrebbe dovuto prendere in considerazione e valutare alcuni elementi, di fatto e di diritto, per fugare ogni dubbio sulla liceità della decisione di prestare assistenza militare a un Paese in stato di conflitto armato.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/629311
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact