Sull’ostruzione ureterale bilaterale da patologia uroginecologica