Il potere della voce. Leopardi per un teatro (anti)platonico