L’amicizia delusa: una lettura di Catullo 38