“Alla Speranzella, la miseria non fete di amara sarcinella”. Bernari e il dialetto