Sul mito della partecipazione cittadina a Barcellona