Il reimpiego delle preesistenze nelle costruzioni di età carolingia a Roma: il caso dei Ss. Quattro Coronati