Dieta chetogena iperproteica: esiste un razionale utilizzo?