Due note sul "caso" Galileo