Dalle ultime fasi della guerra tra Etiopia ed Eritrea (1998-2000), è ripartito un forte fl usso di eritrei che richiedono asilo nei paesi occidentali e non, che alimentano così quella Diaspora che aveva avuto inizio nel periodo della lotta per la separazione (1961-1991) dell’Eritrea dall’Etiopia. Questo nuovo fl usso di rifugiati fugge da un regime dittatoriale che ha soppresso ogni libertà di parola, di pensiero e di culto, e che impone alla popolazione un servizio militare a durata illimitata che si trasforma in un regime di lavoro obbligatorio per il governo. Ho svolto la mia ricerca tra i rifugiati eritrei che vivono nelle occupazioni a scopo abitativo a Roma. Obiettivo di questo lavoro è analizzare il signifi cato di una particolare narrazione di viaggio che molti rifugiati eritrei raccontano come la propria storia di viaggio e dare una lettura antropologica riguardo alla ragione, alla funzione e al signifi cato di questa particolare fusione tra memoria individuale e memoria collettiva.

“Quando sono partito io”. Memoria individuale e memoria collettiva nei racconti di viaggio dei rifugiati eritrei / Costantini, Osvaldo. - In: ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO. - ISSN 2038-3215. - STAMPA. - 14:Anno XV(2012), pp. 43-54.

“Quando sono partito io”. Memoria individuale e memoria collettiva nei racconti di viaggio dei rifugiati eritrei

COSTANTINI, OSVALDO
2012

Abstract

Dalle ultime fasi della guerra tra Etiopia ed Eritrea (1998-2000), è ripartito un forte fl usso di eritrei che richiedono asilo nei paesi occidentali e non, che alimentano così quella Diaspora che aveva avuto inizio nel periodo della lotta per la separazione (1961-1991) dell’Eritrea dall’Etiopia. Questo nuovo fl usso di rifugiati fugge da un regime dittatoriale che ha soppresso ogni libertà di parola, di pensiero e di culto, e che impone alla popolazione un servizio militare a durata illimitata che si trasforma in un regime di lavoro obbligatorio per il governo. Ho svolto la mia ricerca tra i rifugiati eritrei che vivono nelle occupazioni a scopo abitativo a Roma. Obiettivo di questo lavoro è analizzare il signifi cato di una particolare narrazione di viaggio che molti rifugiati eritrei raccontano come la propria storia di viaggio e dare una lettura antropologica riguardo alla ragione, alla funzione e al signifi cato di questa particolare fusione tra memoria individuale e memoria collettiva.
Rifugiati eritrei; Memoria; Narrazioni
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
“Quando sono partito io”. Memoria individuale e memoria collettiva nei racconti di viaggio dei rifugiati eritrei / Costantini, Osvaldo. - In: ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO. - ISSN 2038-3215. - STAMPA. - 14:Anno XV(2012), pp. 43-54.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/510305
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact